LISTA RECENSIONI

Home Page // Lista recensioni

    Lista recensioni  -  Vuoi mandare una tua recensione?

  • 02/07/2019
    SEMPLICEMENTE MRAVIGLIOSO (Maria Rita Lombardo)

    Ho letto legami tutto d'un fiato, che dire?
    Semplicemente meraviglioso!
    Lo inizi a leggere e... sei lì.. con le perfette descrizioni che ti proiettano dentro la storia, vivi il racconto, provi le emozioni dei personaggi, resti "incollata", lì, con il fiato sospeso ed il cuore palpitante, fino alla fine.
    Grazie per avermi regalato tante emozioni!


  • 30/06/2019
    NOIR AVVINCENTE ED INTRIGANTE (Marco Masotti)

    Noir avvincente e intrigante, sa catturare l’attenzione facendo intuire il possibile finale solo nelle ultime pagine, con un dubbio sul ruolo di un personaggio che si svela solo alla fine. L’autrice descrive i passaggi più scabrosi con garbo e senza indugiare furbescamente sui particolari, lasciando quindi spazio alla fantasia del lettore. Da leggere tutto d’un fiato.


  • 17/06/2019
    MOTIVAZIONI VITTORIA CONCORSO LETTERARIO ARGENTARIO 2019 (Laura Pieroni - Presidente AC Metamorphosis)

    Efficace narrativa quella del romanzo Legami, in cui l'Autrice Roberta MEZZABARBA con forte resa espositiva riesce a trovare, nell'intreccio della storia, un esatto connubio tra atmosfere che sembrano trascendere il naturale e altre più pragmatiche di genere thriller. Il crescente stato emotivo del soggetto letterario non abbandona mai il racconto dal lessico chiaro ma suggestionante, avvincente in tutto l'evolversi enigmatico della trama dalla prima all'ultima pagina. Una misteriosa nascita e vent'anni dopo, il passato -con quei vincoli familiari appunto- riemerge nella vita del protagonista -Guglielmo-, in tutta la sua violenza negli inquietanti e inaspettati risvolti. Ottima prova letteraria da raccomandare e leggere d'un fiato.


  • 23/05/2019
    Torna a casa (Alessio Caricaterra)

    Ho appena finito di leggere il racconto.
    Molto bello, crudo e struggente.
    Sono molto vulnerabile a temi come quello da Lei trattato, la Sua abilitá d'espressione abbinata al forte impatto visivo che riesce a trasmettere attraverso le parole ha fatto in modo che venissi molto coinvolto dalla trama e dal contenuto.
    In questi minuti dedicati a leggerLa mi sono lasciato andare ad un toccante trasporto emotivo, percettibile anche dopo la lettura.
    Sono inoltre rimasto piacevolmente sorpreso leggendo il Suo riferimento all'antemurale, zona della cittá a me più cara, amore sbocciato in tempo d'infanzia e mai più tramontato.
    "Legami" tra luoghi e persone.


  • 17/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (Stef)

    Anche stavolta sei arrivata al centro delle sensazioni più profonde. Da donna a donna, ma per gli uomini, di oggi e soprattutto di domani. 


  • 17/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (Giò)

    Sono anche io una donna mamma e lavoratrice che ha vissuto e cambiationel corso della sua vita.

    Sono na studentessa universitaria che ancora vorrebbe uscire per il caffè, il libro e le chiacchiere con le sue amiche sui corsi, sui prof, sugli uomini della sua vita.

    Sono cambiata anche io, invece e con me mio marito.

    Rimpiangere si, ma soffrire no.

    Triste e sciatta no..."catino del vomito" (come dice una mia amica psicologa)

    Si si si a tutto ciò che mi ha fatto cambiare.

    Si si al dire grazie per questo cambiamento.

    Su dunque, solo l'ultima riga del racconto che può diventare l'inizio di un "nuovo" e più intrigante racconto ..romanzo.


  • 15/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (Pietro Mecocci)

    Coinvolgente, profondo. La pesante leggerezza della tua descrizione porta, chi legge, a creare vivide immagini di uno scenario che può essere anche il proprio. La tua introspezione è un viaggio e dialogo , ricerca di riconoscimento tra solitudine, tormento, crisi dramma ma, attraverso il dolore, crei accesso ad un mosaico che riflette differenti tessere.


  • 15/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (Anonimo)

    Questo racconto è molto bello.

    Tutte cose che la donna e mamma subisce... Hai fatto conoscere la vita di una donna di sacrifici senza nessun riconoscimento dal proprio uomo! Sei molto brava !

    Come tutte le storie che ci racconti .

    Complimenti Roberta Mezzabarba sei grande 


  • 15/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (SimSim)

    Racconti perfettamente la realtà.

    Ho sempre ringraziato Dio di essere nata donna solo per il fatto che potevo mettere al mondo un figlio.

    Un uomo non si immagina neanche che vuol dire sentire un cucciolo che ti cresce dentro, tenerezza, infinito amore.

    Certo anche tante rinunce, é il prezzo da pagare ma niente a confronto della gioia di un figlio.

    Ti dò perfettamente ragione su tutto quello che hai scritto, queste sono le vere donne e mamme, poi ci sono anche quelle che preferiscono la palestra, lo shopping, il parrucchiere e hanno la tata ma è un altra storia quella.

    Vedevo il matrimonio come una coppia che cammina insieme verso un obbiettivo, che si aiuta l'un l'altro, una squadra, una spalla su cui appoggiarsi nei momenti di sconforto, il non sentirsi sola.

    Ma niente di più sbagliato.

    Le favole non esistono.

    Lo impari con l'esperienza, il cuore si chiude e si fa più duro, ecco perché le persone cambiano.


  • 14/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (RobertaZ)

    Ho letto il racconto tutto d'un fiato, e mi è entrato dentro, mentre ti messaggio mi accorgo di avere gli occhi umidi.

    Non ho un aggettivo per definirlo....

    Mentre leggevo era come se fosse scritto da me...non so spiegarti...era come se fosse mio....


  • 14/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (GiulioDR)

    Lo sai benissimo che scrivi molto bene.

    Mi terrorizza la tua storia, perche credo che noi uomini siamo così stupidi.


  • 14/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (CorradoP)

    Bello e realistico.... Purtroppo la vita "moderna" porta le persone ad essere così, troppi impegni e, secondo me, molti di questi sono anche inutili e inconcludenti.... Ma il mondo và così, non si può nuotare controcorrente, sarebbe anche peggio.....forse...


  • 14/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (Mary)

    L'ho letto in un unico respiro! 
    Anche questo racconto mi ha emozionata, sembrava parlasse di me ,di te, di tutte le mogli e di tutte le madri del mondo.
    Dovrebbero leggerlo tutti gli uomini del mondo! 
    Sei proprio brava, 
    Sei la prima che è riuscita a farmi leggere  
    Aspetto con ansia il terzo romanzo!
    Complimenti ancora per saper dare voce a chi come me sta vivendo ciò che hai scritto.


  • 14/05/2019
    Non sono la stessa donna che hai sposato (AntonellaM)

    Semplice, diretta, reale.

    Uno stato d'animo vero.


  • 10/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Paola)

    Cara Roberta, mi permetto un po’ di confidenza perché il tuo racconto mi ha toccato l’anima.

    Sono rimasta profondamente colpita, non solo per il tema ma per la modalità  potente, cruda, amara eppure così carica di sentimento.

    Una breve storia, ma tantissimi spunti di riflessione su numerosi argomenti, qualche lacrima ma un epilogo che riesce addirittura, suo malgrado, ad essere il più dolce e auspicabile.

    Ora mi attendono i tuoi ultimi romanzi e....ti farò sapere.

    Grazie.


  • 10/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Patrizia)

    Avere talento, non significa (come in questo caso) saper scrivere , ma far sentire con forza e con l’anima quello che il talento può suscitare nelle persone che leggono. Ecco perché in questo mondo sono necessarie persone come l’autrice. Grazie Roberta, di trovare il tempo per raccontare storie. 


  • 09/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Cristina)

    Bellissimo, commovente, così vero,

    Con le parole giuste e semplici hai descritto una realtà attuale che ho vissuto con alcune amiche, e poi il mare, un utero liquido che dà la pace

    Bravissima.


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Giulia)

    Mi viene solo da dire bello ed emozionante.

    Mi piace molto l'uso che fai dei termini nelle descrizioni delle persone, delle situazioni, degli ambienti e delle sensazioni.

    Trovo molto scorrevole la lettura e per niente banali o scontate o ovvie le storie che ci stai raccontando

    Mi chiedo se la scelta dei termini sia studiata o se è qualcosa che ti arriva da dentro…


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Monica CV)

    Riesci a cogliere ogni sfumatura di vissuti, e poi come un pittore spennelli la tela dandole forma, colore, sfumatura ed ad ognuno di noi che legge doni la propria sensazione.

    Ognuno di noi può immaginare ed immedesimarsi,  sentire le proprie sensazioni, ascoltare i suoni che descrivi, commuoversi o incacchiarsi e dire “la vita é un incognita”… “ma doveva succedere proprio a me”

    Tutto ciò che si perde viene restituito in un'altra forma.

    Ecco cosa hai di bello quando scrivi.


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Flavia)

    La solitudine e la disperazione di Sabrina hanno percorso la mia pelle...una donna devastata dal dolore...fisico, mentale, affettivo...l’immensità del mare che la accoglie, perché veniamo dalla natura e li vogliamo dimenticare le nostre sofferenze...soli nasciamo e soli moriamo...ma nel mezzo c’è la grandezza


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Monica)

    Struggente....molto profondo.

    Un inno alla vita.

    La morte come ritorno alle origini.

    Hai affrontato con delicatezza un tema forte

    Nei tuoi lavori emerge sempre un messaggio di leggerezza di fronti anche alle situazioni estreme

    Un riscatto emotivo.

    Che porta il lettere sempre e comunque a riflettere sulla vita è le sue miseria, ma anche sulla speranze

    Alla fine sì chiude comunque il cerchio, si piange....ma non solo.


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Piera)

    ....leggo....le poltrone delle chemio....le conosco troppo bene......e poi la paura dell'altro....il finale ....l'addio....

    Premio veramente meritato.....un gran bel racconto

    Giuro...non per farti stupidi complimenti...ma lo penso...continua a scrivere...


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Lucrezia)

    Mi dai sempre la conferma di essere una scrittrice che arriva al cuore , che il sentimento lo spolpa e lo vive in tutte le sue sfaccettature.. non sei mai banale o scontata... riesci a descrivere il meglio di ogni cosa e a carpirne l’essenza.


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Dada)

    Mamma mia…

    Da brivido.

    Triste ma allo stesso momento carico di amore. Almeno io amo il mare a tal punto che lo identifico con la vita vera. È catarsi, è meditazione, è zen.

    Ritrovare il mare in questo modo lo sento come liberazione, o meglio libertà di sfuggire a un incubo.


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Francesca)

    Ommioddio....

    Intenso, reale, emozionante, sembra di essere quella ragazza...sembra di vivere quelle paure.

    Il dolore... la rassegnazione...ti avvolgono lasciandoti senza fiato.

    Sono sconvolta...

    Ma come fai ?


  • 08/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Alessandro)

    Ma è bellissimo questo racconto… sembra di stare lì su quello scoglio dell’antimurale, racconta perfettamente lo spaccato di vita della città  di Civitavecchia. Complimenti ti meriti la cittadinanza!


  • 07/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Mario)

    Il racconto durante la lettura mi ha preso e in un crescendo mi ha coinvolto richiamando alla mia vita esperienze vissute! La descrizione dei fatti, le sensazioni e le emozioni descritte hanno toccato il mio animo e richiamato alla mente ricordi del mio vissuto. Per capirlo bene e per vivere il racconto l'ho letto una seconda volta ed è stato veramente appagante...


  • 07/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Stefania)

    Delicata e leggera come una piuma, hai scavato nel profondo con questo racconto, riportando alla luce sensazioni e ricordi intensi.


  • 07/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Anonimo CV)

    E’ bellissimo e tu sei molto brava. Civitavecchia per noi Civitavecchiesi è bellissima ma purtroppo non è apprezzata, è solo sfruttata. Nel tuo racconto c’è molta verità.


  • 07/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Novella)

    A me vengono i brividi nel leggere ciò che scrivi.

    Sembra di sentire il rumore della pioggia e il dolore e la disperazione di questa donna inerme davanti a questa malattia maledetta che spaventa solo a parlarne

    Qualche giorno fa è venuta a mancare la maestra di mio figlio 48 anni e queste cose scombussolano un pò soprattutto perché se ne parla tanto e troppo spesso ormai!!

    Hai vinto si! Sembra di stare là davanti al mare  vivendo le stesse sensazioni di Sabrina…


  • 07/05/2019
    Torno a casa - Racconto (Tiziano)

    Allora dal piano di calpestio di un esame conscio c'è tanta attualità, c'è Taranto, c'è la Thyssenkrupp....c'è anche la Tuscia le sue centrali e ... i suoi nocchieti, compreso il vescovo

    Il subconscio invece punta diretto allo stomaco, e il sapore acre del vomito mi passa sotto il naso…

    Tuttavia l'acqua è fredda solo fino ad un certo punto, ed il capo nuovamente glabro è solo l'anticamera 


  • 26/03/2019
    La lunga ombra di un sogno (Emozioni, sensi di colpa, segreti, dolori e gioie) (Dada Trovato)

    L'amore che sfugge, che scivola lentamente nello spazio e nel tempo. 
    Una storia che lascia l'amaro in bocca, senza il lieto fine che ci si potrebbe aspettare. 
    Una storia che esalta la forza e il coraggio di una donna che, nonostante alle spalle abbia un fardello di incomprensioni, di parole non dette per timore, di sentimenti taciuti, riesce a tenere fede ai suoi principi di libertà. 
    Ogni scelta fatta o decisione presa, è stata sempre dettata dalla voglia di essere libera. Greta però non tiene conto delle conseguenze in questo rivela la sua impulsività e la ingenuità. Crede nell'amore quello puro, e in ogni vicenda in cui si trova a essere protagonista incontrastata, cerca una giustificazione.
    Certo è che se lei cerca il perché, davanti trova sempre un rifiuto. 
    Solo quando capirà, dopo tanti anni, che la solitudine è parte integrante della sua vita, solo in quel momento la sua caparbietà vince. 
    Le descrizioni reali dei vari luoghi sono cornice di una Sicilia che l'autrice vive come se fosse proprio in questa terra. 
    Il linguaggio aulico, dove si alternano momenti di lirismo a pagine più leggere, evidenziano una elevata capacità di scrittura derivata da un ricco back ground culturale. 
    Emozioni, sensi di colpa, segreti, dolori e gioie accompagnano tutto il romanzo emotivamente coinvolgente fino all'ultimo.


  • 08/03/2019
    La lunga ombra di un sogno (MOTIVAZIONE 3° Posto al Premio Letterario Nazionale Versusulmona Edizione 2018) (Giuria Premio Letterario Nazionale Versusulmona Edizione 2018)

    Un opera intensa, un crescendo di sentimenti veri che si innescano nel cuore e nella mente del lettore come sassi su uno stagno...inizialmente sfiorano la superficie, poi si stagliano nell'animo profondo.


  • 22/02/2019
    Legàmi - Thriller intenso (Lorenzo Merola)

    Un piano diabolico e feroce, dove tra i protagonisti ci sono legami da distruggere ma anche legami da salvare. Ed in gioco c'è il destino dell'umanità intera.


  • 22/02/2019
    La lunga ombra di un sogno (Intenso e non banale) (Lorenzo Merola)

    La protagonista intraprende un viaggio per chiudere i conti col passato, ma non le viene risparmiato nulla. Niente è scontato in questa riscoperta dei sentimenti.


  • 01/02/2019
    Legàmi (Novella Costantini)

    Quando ero piccola divoravo libri… poi non più!

    In questi giorni, a casa, sono tornata indietro di anni, quando leggevo quei libri che tanto mi piacevano.

    Ho divorato Legàmi con la stessa curiosità di quei tempi, con la curiosità di arrivare a capitolo successivo e dire… E ORA? 

    “Bene tutti dormono ed io vado a leggere, non vedo l’ora” … mi sono trovata spesso a pensare questo, che cosa strana per una domma come me sempre presa da tutto il resto e non aver fantasia e tempo di fare altro!

    Mi è piaciuto molto.

    L’autrice è proprio brava brava!

    Ok, attendo il terzo!


  • 01/02/2019
    La lunga ombra di un sogno (Maria Gabriella Di Maggio)

    L'ho letto tutto d'un fiato. Ho apprezzato le parti descrittive e la ricerca di libertà della protagonista.


  • 01/02/2019
    Legàmi - Letto in un solo giorno (Aston Martin)

    Nuovo ed emozionante romanzo, linguaggio sempre più forbito e, nonostante l'intreccio non semplice della vicenda, comprensibile a tutti. 

    Personaggi inquietanti e ben descritti nelle loro emozioni hanno catturato subito la mia attenzione. 

    Letto in un solo giorno per arrivare in fretta alla conclusione. 

    Per me confermata la sua passione per la scrittura. Io sono solo una mediocre lettrice di romanzi mi aiutano a riposare lo spirito e leggo solo ciò che mi attrae e coinvolge sin dall'inizio inizio e.... l'autrice lo sa fare molto bene! 

    Complimenti.


  • 01/02/2019
    Legàmi - Leggendolo mi sembrava di stare sul set di un film (Marisa Filogonio)

    Finito ora di leggere, tutto di un fiato cosi come piace a me.

    Le pagine scorrono veloci e ti tengono in ansia e una certa adrenalina per la voglia di arrivare a scoprire sempre di più il mistero. 

    Un intreccio di legàmi che si aggrovigliano intorno al personaggio fulcro, Angelica. 

    Sicuramente il finale è uno e solo: il Bene che sconfigge il male...

    Leggendo mi sento una persona proiettata e partecipe come sul set di un film dietro le quinte . 

    Complimenti all’autrice, ancora una volta per questo altro sogno.


  • 01/02/2019
    Legàmi - Un romanzo avvincente (Corrado)

    Premetto che non sono critico letterario, ma un semplice lettore, e credo che sia comunque il target a cui vuole arrivare la scrittrice, il mio non può essere un giudizio altamente tecnico, ma solo un giudizio di "gusto", detto ciò credo che sia uno di quei romanzi che valga la pena di leggere perché scorre via piacevole e di corsa, uno di quei libri che puoi leggere quasi tutto di un fiato, il che fa la differenza tra il piacere di leggere e l'annoiarsi. Storia avvincente e particolare, l'unico appunto che posso fare è che le scene principali della storia sono troppo brevi, forse si poteva creare un pò più di suspense.... Il mio voto però rimane ottimo.


  • 26/01/2019
    La lunga ombra di un sogno (MOTIVAZIONE 3° Posto PREMIO LETTERARIO NAZIONALE RESIDENZE GREGORIANE 2018) (Associazione Culturale Metamorphosis - Tivoli (RM))

    MOTIVAZIONE 3° Posto PREMIO LETTERARIO NAZIONALE RESIDENZE GREGORIANE 2018 

    Storia di determinazione e coraggio, dal lessico immedesimante, fluido, diretto, accurato nell'approccio descrittivo, con un'attenzione al tema del soggetto letterario che si mantiene alta per l'intero svolgersi dell'opera, il romanzo, La lunga ombra di un sogno, della eccellente Autrice Roberta Mezzabarba, trascina con estremo coinvolgimento all'interno dei fatti raccontati. Nello specifico la vita della protagonista -Greta-, che si muove tra la Tuscia e la Sicilia degli anni '70, nella propria erratica e personale ricerca di chiusura del cerchio, quella ricerca -a ragione definita universale- che porta ognuno di noi nella vita a lottare, a liberarci dai nostri irrisolti problemi solo quando ne raggiungiamo caparbiamente la soluzione a qualunque costo. Soluzione quasi sempre trovata all'origine -e tornando alle nostre origini- come bene ci indica e suggerisce la scrittrice. 


  • 14/12/2018
    Legàmi (Roberta Zbellini)

    Testo scorrevole e coinvolgente fin dalla prima pagina, bella la trama, suspense "soft", ma abbastanza da tenere il lettore incollato al libro. Thriller senza sangue, ma egualmente inquietante. Lo consiglio a tutti, ottimo da leggere e da regalare.


  • 03/12/2018
    Legàmi - Un sorprendente romanzo noir (Caterina Pisu)

    Traendo ispirazione dal filone dell’escatologia millenarista e apocalittica, il romanzo è più un noir/mistery piuttosto che un thriller perché il lettore conosce già i personaggi maledetti con i quali si relazionano i protagonisti. La trama è un susseguirsi ininterrotto di situazioni che lasciano il lettore con il fiato sospeso, scandite dall’essenziale intitolazione dei capitoli, indicati da numeri scritti in lettere, quasi a voler rimarcare il ritmo dinamico della vicenda che non lascia spazio a pause descrittive eccessivamente lunghe. La vigilia di Capodanno, prima del 1979 e poi del 1999, segna due tappe fondamentali del romanzo, ma soprattutto aggiunge significati carichi di tensione psicologica ed emotiva: l’angoscia per la fine di un anno e di un millennio, raffigurazione della morte e del passaggio verso un mondo ancora ignoto, esorcizzato da un’allegria sfrenata e inquietante. In quel frangente accade qualcosa che riporterà i protagonisti indietro nel tempo, a scoprire i loro reciproci legàmi, tra colpi di scena e situazioni inaspettate. Nel libro ogni personaggio lascia una traccia significativa, anche quelle figure apparentemente marginali, come il Prof. Miraghi, la cui personale storia si incrocia, solo per poco ma in maniera intensa, con i due protagonisti, Guglielmo e Gemma. Roberta Mezzabarba, che già nel suo primo romanzo, “La lunga ombra di un sogno”, aveva dimostrato di essere una scrittrice talentuosa, non perde la sua eccellente capacità di scrittura cimentandosi con questo genere, completamente diverso dal primo. Si auspica che “Legàmi” sia solo il primo romanzo di una lunga serie, con le stesse sorprendenti caratteristiche.


  • 03/12/2018
    Legàmi - Un'indagine sull'oscurità umana fondamentale (Antonello Ricci)

    Legàmi, il nuovo romanzo di Roberta Mezzabarba.
    "Legàmi" ha il plot di un thriller ma è, al fondo, un'indagine sull'oscurità umana fondamentale.
    Legàmi che legano-condannano ma da-cui-anche-liberarsi-lottando. (Destino già da sempre scritto o la fievole facella di un libero arbitrio possibile?)
    Legàmi di una narratrice coi propri personaggi. (Cordone ombelicale o serena distanza, empatia ricca di pietas? Guglielmo, il protagonista… che cosa noi lettori pensiamo di lui, che cosa sentiamo per lui, richiudendo il libro a lettura ultimata?)
    Legàmi di un'autrice con la propria scrittura (Roberta scrive in una prosa ritmica, ossigenata, a volte spigolosa, ma le sue frasi tendono spesso all'impennata del verso poetico.)
    Legàmi di una scrittrice con il proprio pubblico.


  • 28/11/2018
    La lunga ombra di un sogno (...buona lettura) (Massimo Vittorio)

    Capita raramente di leggere un libro e conoscerne l'autore, anche se per poco tempo come mi è successo con Roberta Mezzabarba durante la presentazione del romanzo ad Aci Castello. La curiosità di leggere il libro è nata proprio durante la presentazione, semplice, elegante, amichevole. Il romanzo ha gli elementi cardini della letteratura come ad esempio il viaggio inteso anche, e soprattutto, come ricerca interiore; l'amore romantico e struggente; la semplicità che fuoriesce dai motti, dai proverbi di verghiana memoria; l'animo femminile tormentato che in continua lotta con sé stesso cerca una propria redenzione. E poi ci sono i luoghi, quelli che io conosco. Leggere una descrizione pressoché perfetta aumenta lo stupore nel sapere che chi li ha descritti lo ha fatto a chilometri di distanza mentre in realtà sembra che l'autrice è affacciata dal balcone e vede la piazza, i vicoli, i passanti. Consiglio la lettura del libro soprattutto perché mi ha colpito il tema del viaggio, della ricerca interiore, della possibilità di cambiare perché "ti cambiano le circostanze, lentamente; ti cambia in un baleno un evento fortuito e inatteso, cambiano le direzioni e le scelte di ogni persona, prendono strade che mai si sarebbe potuto immaginare. [...] è meglio cercare di cambiarsi che fingere in eterno. La maschera può togliere il respiro se calata sul viso troppo a lungo". Buona lettura


  • 27/11/2018
    La lunga ombra di un sogno (Mi è rimasto nel cuore) (Isabella Coffey)

    L' ho veramente amato questo romanzo. Il finale è stato il più profondo spunto di riflessione per quanto mi riguarda. Abbiamo tutti i nostri mostri del passato e del presente, e pensiamo sempre che prima o poi poi ce ne libereremo. 
    Sono riuscita a calarmi nella parte della protagonista, quando va a cavallo e ricerca solamente quel desiderio di libertà più assoluta, di solitudine e del poter navigare tra le nostre sofferenze senza doverne rendere conto a nessuno. Riuscivo a provare quello che provava lei in quel momento. 
    E con l' arrivo della conclusione, invece ci si rende conto che può succedere che non ce ne liberiamo delle nostre ferite, rinunciando a tutto ciò che è bello vicino a noi. 
    Ma non siamo in grado di coglierne la bellezza. 
    E tutto questo mette paura. 
    Avrei tantissime altre cose fa dire ma mi fermo qui.
    Mi è rimasto nel cuore.


  • 22/11/2018
    La lunga Ombra do un sogno  (Nada Terra)

    Molto bello! Appassionato e coinvolgente. Scrittura scorrevole e ricca di particolari. Complimenti!


  • 21/11/2018
    La lunga ombra di un sogno (Maria De Santis)

    Sono andata alla presentazione del libro e sono stata incuriosita dalla descrizione fatta da Roberta. La stessa sera ho comprato il libro e successivamente durante un viaggio in aereo ho incominciato a leggerlo rimanendo affascinata dalla descrizione minuziosa dei luoghi, dal coraggio di Greta nell'affrontare le difficoltà della sua vita nella terra di Sicilia, insomma in due giorni finito.Lo consigliero' ad altri. Bravissima Roberta


  • 15/11/2018
    La lunga Ombra di un sogno (Ama te stessa) (Collega di sventura)

    Attraverso Greta l’autrice manda un messaggio a tutte noi donne (mi perdonino i maschietti!!!): ama te stessa. La protagonista ci insegna a guardare profondamente dentro noi stessi, a farci domande, a trovare la forza di reagire nelle risposte che troviamo... Greta ha trovato la sua strada rinunciando a molto ma non a se stessa... Il libro si legge tutto d’un fiato... ti ritrovi immersa in un dipinto dei luoghi che l’autrice con pennellate di acquarello sa descrivere al punto che ti ritrovi dentro la storia a fianco della protagonista. E fino alla fine non riesci a staccarti da Greta... continui a vivere con lei e per lei tutte le vicissitudini fino a conquistare la serenità sotto un albero di limoni ... Roberta .... aspetto il nuovo romanzo!!!


  • 04/11/2018
    La lunga ombra di un sogno (In una parola: SUBLIME!) (Erika Milazzo)

    Mi rivedo, in  alcuni aspetti nella protagonista, Greta.

    Ho assistito alla presentazione del romanzo al Castello Normanno di Aci Castello (CT) e devo dire che le parole dell’autrice avevano già  catturato la mia attenzione ma soprattutto mi avevano toccato molto da vicino.

    Il romanzo è stato semplicemente un approfondimento...

    Ho sentito chiedere da chi lo ha già letto un seguito della storia; io penso invece che non ci sia bisogno di un seguito, poiché  quanto scritto in questo capolavoro ti invita a riflettere, a conoscerti. 

    Più che un romanzo è un libro che ti invita ad amare la vita, ad inseguire i sogni, a non arrenderti, ad amare le persone che hai accanto prima che sia troppo tardi, ma soprattutto a parlare, a comunicare, a  non lasciare che il silenzio possa portare a fraintendere legami, emozioni, sensazioni, ma soprattutto a non tenere il proprio sogno nell'ombra, ma esporlo ai raggi del sole perché prima o poi, se si vuole, tutto si avvera.

    Secondo me, dietro ai sogni belli devono per forza esserci ostacoli e malesseri ed a volte la voglia di mollare tutto. Ma solo quando il gioco si fa duro si può capire quanto si tiene a quel sogno,  ed allora e solo allora saremmo capaci di tirare fuori la forza e la tenacia per perseguirlo.

     


  • 22/10/2018
    La lunga ombra di un sogno (Un riscatto tutto al femminile) (Monica Balestra)

    Lo inizi a leggere e non smetteresti più, una lettura accattivante e molto appassionante.
    Un romanzo di sentimenti e di passioni forti e profonde.
    Una storia travolgente, una descrizione dei luoghi e dei personaggi molto accurata che ti trasporta lì con loro.
    Ho visto quei luoghi e percepito leggendo profumi e ricordi.
    Un romanzo avvincente, e un finale che è un riscatto tutto al femminile, il coraggio di una donna più forte di quanto lei stessa credesse.
    Un bel romanzo che ha risvegliato in me la voglia di leggere.
    Aspetto il prossimo romanzo.


  • 11/10/2018
    La lunga ombra di un sogno (Un abito fatto su misura) (Mariolina Scavera Malvagna )

    Ho preso parte alla presentazione del romanzo a Montefiascone (VT) ed ho avuto modo di conoscere e di ascoltare l'autrice.
    Meno di 48 ore per terminare di leggere il romanzo e ne sono ancora immersa.
    L’ho letteralmente divorato, mi ha fatto addormentare piangendo tanto ha scavato dentro di me.
    Non è soltanto, anche, la minuziosa e precisa descrizione dei luoghi a me cari; anche quelli del lago di Bolsena dove ormai vivo, ma anche il raccontare i sentimenti, le sensazioni, i ricordi struggenti ma anche dolcissimi e spesso molto felici.
    Non mi interessa l’epilogo, mi interessa che, dopo i moltissimi libri letti questo starà su di me come un abito fatto su misura.
    Parlare di femminismo in questa storia è riduttivo sia per il libro che per la storia del femminismo.
    Da femminista preistorica posso dire che abbiamo fatto molte battaglie, e non tutte perse ma è “altro" che il libro racconta, e questo sotto un certo aspetto è più importante, è una storia vista dalla parte delle donne. 
    Questa è la sua alta dimensione.


  • 10/10/2018
    La lunga ombra di un sogno (La giustizia dei sentimenti) (Carla Franci)

    Ho molto apprezzato la protagonista, questa giovane donna alla ricerca della sua verità, e di quella di tutte le persone che hanno avuto in qualche modo fatto parte della sua vita.
    Greta, una giovane donna disposta a lottare anche con le donne della sua famiglia, figure fondamentali per la sua crescita, alla ricerca di giustizia.
    Una giustizia, se vogliamo, dei sentimenti che ad un certo punto, proprio per la loro purezza, non possono più attendere.
    Ed ancora il viaggio fra la Tuscia, la mia terra nativa, e la terra di Sicilia che ha conquistato il mio cuore da adulta..
    Fantastico


  • 02/10/2018
    La lunga ombra di un sogno (Letto tutto d'un fiato) (Aston Martin)

    Ho letto libro "tutto d'un fiato ". 
    Modo di scrivere chiaro, profondo e coinvolgente, comprensibile a tutti. 
    Il personaggio di Greta è avvincente e ben descritto nei sentimenti, il raccontare la nostra isola Bisentina mi ha riportato indietro di 60 anni e tanti ricordi sono affiorati nella mia mente di capodimontana nata e vissuta nell'ultima casa di quel promontorio che guarda la Bisentina.
    Un libro che consiglio a tutti di leggere in quanto è molto bello e parla del nostro territorio.
    Complimenti alla scrittrice, ha scritto altri romanzi ??


  • 20/09/2018
    La lunga ombra di un sogno - Continua, Ti prego! (Ilia Contrucci)

    Due vulcani, l’uno addormentato da millenni, ormai pacifico specchio argentato foriero di nuova quiete;
    l'altro, con le sue eruzioni, ora di ribellione, ora di rabbia compagno di un passato fatto di pensieri e ricordi tumultuosi.
    L'acqua dolce e calma di un lago che può consolare.
    Quella così salata da sembrare amara di un mare agitato e turbolento.
    Due isole verdi e roride, romantiche pur coi loro anfratti oscuri e una terra assolata, agrumata e arida.
    La Tuscia, con il nostro lago di piccoli pescatori e le sue isolette cariche di mistero, e la Sicilia, con i suoi “giardini" e le grida delle sue tonnare.
    Tra questi due mondi si allunga l'ombra del sogno di Greta, un sogno che ci porta in un viaggio tangibile e concreto per certi versi, ma anche profondamente immanente e simbolico, una discesa, a volte anche molto ripida, dentro di noi.
    Devo confessare che in alcune di queste pagine ho ritrovato molto di me, dei miei pensieri...
    Continua, ti prego.


  • 15/09/2018
    La lunga ombra di un sogno (Serena)

    Bellissimo libro molto emozionante che si legge tutto d'un fiato.


  • 14/09/2018
    La lunga ombra di un sogno - Semplicità ed accuratezza (Claudia Fioramanti)

    Una scrittura fluida, l'ho trovata accurata precisa. Un libro molto descrittivo e molto femminile. Ho aspettato un po' prima di averlo disponibile in libreria ma ne è valsa la pena!


  • 23/08/2018
    La lunga ombra di un sogno - La vite richiede uno splendente coraggio (Flavia di Giuseppe)

    Greta mi ha ricordato come la sofferenza faccia parte costante della nostra vita, e per quanto ci sforziamo di evirarla, questo non è possibile.
    Ma non è questo il punto.
    La cosa importante è amare se stessi, rimboccarsi le maniche con determinazione per cercare di fare sempre meglio, e solo a quel punto sarà possibile amare qualcun altro.
    Durante il nostro cammino incontreremo sempre la sofferenza, la cattiveria e il non-perdono per qualcosa che non abbiamo fatto, ma l'importante trovare la forza di ridonare ad un albero, o a qualsiasi altra cosa, il suo profumo, il suo splendore.
    La vita richiede uno splendente coraggio.
    Lettura meravigliosa.


  • 21/08/2018
    La lunga ombra di un sogno - Il finale è... affascinante! (Vera Risi)

    Ho apprezzato il lessico ricercato e la ricchezza di informazioni paesaggistiche, anche perché conosco i luoghi visto che ho anche sangue siculo.
    Mai banale.
    Il finale amaro è affascinante.
    Mi ha delusa solo un po' la prima parte, che sembra troppo affrettata: tutto precipita nelle prime pagine, soprattutto l'amore di Ernesto, quasi inverosimile per la velocità con cui si infiamma, in poche righe.
    Ma se si ha fiducia nel continuare, il libro prende il ritmo giusto, credibile, onesto. 
    Complimenti.


  • 18/08/2018
    La lunga ombra di un sogno - Questo romanzo è da film  (Patrizia Rizzello)

    Questo romanzo è da film!
    E' stata la prima cosa che ho pensato quando lo ho terminato di leggere.
    Ha un filone che drammatizzato da una sceneggiatura forte sarebbe di questi tempi un film da incassi record!
    Registi, sceneggiatori, produttori, a voi!!


  • 16/08/2018
    La lunga ombra di un sogno - La vita non è rose e fiori (Rita Almonte)

    Mi è piaciuto da morire: mi ha fatto apprendere informazioni bellissime e preziosa che ignoravo sul lago e sull'isola che fin da bambina guardavo sempre con aria sognante e profonda ammirazione.
    Certo, da inguaribile romantica mi aspettavo un finale diverso. 
    La vita non è rose e fiori, e spesso leggo per spaziare... ma chissà che l'autrice non scriva in un continuo del romanzo?


  • 12/08/2018
    La lunga ombra di un sogno . Storia di una donna forte (Claudia Tosatto)

    Ho letto molto volentieri questo libro. 
    La storia di una donna che all'inizio dava la sensazione di un'anima fragile, ed invece si è rivelata una donna coraggiosa, forte ...che ha saputo , anche con molti drammi interni, scegliere la propria vita.


  • 23/07/2018
    La lunga ombra di un sogno - Profonda descrizione dei  sentimenti (Rossella Urbani)

    Finito di leggere ieri.
    Lettura molto gradevole. Mi è piaciuta molto la descrizione del sogno, con il parallelismo tra la mattanza dei tonni e i vari personaggi.
    Profonda la descrizione dei sentimenti.
    Bel contrasto tra la durezza del carattere della nonna e la dolcezza ribelle della protagonista.
    Mi è un po' dispiaciuto per Ernesto.


  • 28/06/2018
    La lunga ombra di un sogno (Cecilia Patrizi)

    Romanzo estremamente coinvolgente, tocca la parte più recondita e nascosta dei nostri sentimenti. Risulta essere una lettura piacevole e fluida.


  • 28/05/2018
    La lunga ombra di un sogno - Gli intervalli o le soglie (del tempo) (Antonietta Narcisi)

    “Gli intervalli o le soglie (del tempo), appartengono alla topologia della passione. Sono zone di oblio, di perdita, di morte, di paura e di angoscia, ma anche di desiderio, di speranza, di avventura, di promessa e di attesa. Sotto molti riguardi, l’intervallo è anche una fonte di sofferenza e di dolore. Il ricordo diventa passione nella sua lotta contro il tempo che consegna all’oblio ciò che è stato.”
    Iniziare con questa citazione di Byung Chul Han ( Il profumo del tempo) mi è sembrato il modo migliore per incorniciare il romanzo di Roberta Mezzabarba.
    Greta, la protagonista è una ragazza di raro coraggio, considerate le sue origini, che vive sospesa tra due intervalli temporali: il suo passato, quasi sconosciuto, e il suo presente del tutto precario e non ancora definito. Da qui la sua inquietudine e l’angoscia di non saper rendere coerente la sua vita con le sue aspirazioni. Greta è matura, determinata, ma al minimo ricordo piomba in una tristezza paralizzante.
    Cosa fare?
    Il romanzo ci accompagna in questa storia di ricordi, amori, incontri, amicizie e fantasmi del cuore, con garbo, bella scrittura, descrizioni accurate di luoghi e profumi, che spaziano dal lago di Bolsena al vulcano della sua Sicilia, luoghi dove Greta troverà e perderà se stessa fino all’atteso finale.


  • 02/05/2018
    La lunga ombra di un sogno (Simona (Mosina))

    Fa strano leggere un libro dove la protagonista abita nella mia città, Viterbo, e dove vengono descritti minuziosamente luoghi che conosco e luoghi invece che posso vedere solo da lontano come l'isola Bisentina.
    Ogni momento che avevo disponibile era per leggere anche solo qualche pagina della storia di Greta e della voglia di emancipazione rispetto alle sue origini siciliane.
    E questo è solo il primo dei capolavori che Roberta presto ci regalerà. Tante soddisfazioni ti aspettano....


  • 15/04/2018
    la lunga ombra di un sogno - Un cammino di luce interiore (Maria Tereza Bresciani)

    Ho goduto della lettura di queste pagine intense che meritano una riflessione quieta, seppure profonda.
    I luoghi amati si radicano in noi oltre le circostanze della vita, e tornano nel tempo ad avere un richiamo imprescindibile e ineludibile, ci attraggono senza il fastidio della banalità.
    Ciascuno di noi può e deve "almeno" desiderare un approdo dell'animo nel quale riconoscere la parte più vera di se: questo romanzo apre al lettore luoghi di particolare bellezza e segna con una felice mano narrativa questo cammino di luce interiore.
    Ne consiglio vivamente la lettura!


  • 13/04/2018
    La lunga ombra di un sogno - La semplicità delle grandi storie (Pietro)

    Dicono che i libri che parlano d'amore sono cose da donne. 
    Questo romanzo non parla solo d'amore ma della vita, delle difficoltà, della forza delle persone che non si arrendono, anche se arrendersi sembrebbe l'unica cosa rimasta da fare. 
    L'ho letto con piacere, ed ho apprezzato la semplicità delle grandi storie, pagina dopo pagina.
    Interessanti i personaggi minori come Suor Felicità, Menico o Giacomo che hanno permesso alla storia di essere più tonda. 
    Un capolavoro l'ultimo capitolo.
    Sicuramente da leggere


  • 02/04/2018
    La lunga ombra di un sogno - Una gradita sorpresa (Marilù)

    uesto libro mi ha riportato a quando , da bambina, ho avuto la fortuna di girare per tutta l’Isola Bisentina ..ricordandomi perfino ogni sfumatura di colore presente in quel luogo meraviglioso . Inizialmente il finale mi aveva lasciato leggermente sorpresa, quasi con il fiato sospeso .. ma poi ho capito il vero senso del libro , un romanzo che insegna che nella vita ci vuole la forza, la determinazione e che da un errore bisogna uscire più forti . 
    Auguro il meglio all’autrice , perché se lo merita davvero .


  • 02/04/2018
    La lunga ombra di un sogno - Consigliato a chi cerca emozioni (Giulia e Gerardo)

    Domenica 25 marzo sfidando il freddo, dopo un viaggio di parecchie centinaia di chilometri, abbiamo potuto vedere l'Isola Bisentina, piccola perla martoriata dall'incuria, che ha iniziato il suo percorso per essere restituita ai suoi fasti.
    Scesi da traghetto abbiamo incontrato due occhi azzurri come il lago che ci hanno chiesto se avevamo da dedicarle due minuti.
    L'autrice di questo romanzo ha catturato con maestria la nostra attenzione, descrivendo a pennellate rapide la sua opera, così abbiamo deciso di acquistare "La lunga ombra di un sogno", come ricordo di quella bellissima giornata. 
    Ebbene io e mia moglie ci siamo litigati il volume leggendolo in contemporanea, commentando la scorrevolezza e la verità racchiusa nella storia di Greta, donna in un mondo in cui le donne dovevano tenere gli occhi bassi e tacere.
    Leggendolo, nelle parte iniziale riguardante il viaggio della protagonista sull'isola Bisentina, abbiano rivissuto le sensazioni provate e scoperto storia e leggende.
    Un romanzo consigliatissimo a chi cerca emozioni.


  • 02/04/2018
    La lunga ombra di un sogno - Non arrendersi mai (Virna Sembelli)

    Dalla dedica in poi non ho potuto che amare questo romanzo.
    Autrice da tenere sicuramente sotto controllo, ci regalerà altre meraviglie.


  • 31/03/2018
    La lunga ombra di un sogno - Una lettura meravigliosa (Lucrezia)

    Questo libro mi ha riportato a quando, da bambina, ho avuto la fortuna di girare per tutta l’Isola Bisentina... ricordandomi perfino ogni sfumatura di colore presente in quel luogo meraviglioso. Inizialmente il finale mi aveva lasciato leggermente sorpresa, quasi con il fiato sospeso... ma poi ho capito il vero senso del libro, un romanzo che insegna che nella vita ci vuole la forza, la determinazione e che da un errore bisogna uscire più forti . 
    Auguro il meglio all’autrice, perché se lo merita davvero .


  • 27/03/2018
    La lunga ombra di un sogno (Gabriella)

    Bellissimo, si legge tutto d'un fiato.


  • 22/03/2018
    La lunga ombra di un sogno - Appassionante (Giorgio)

    Appassionante e con il fiato sospeso fino all'ultima pagina. Bravissima Roberta


  • 07/03/2018
    La lunga ombra di un sogno - Complimenti! (Annita Filogonio)

    La ricerca tra emancipazione femminile e radici affettive familiari fanno del personaggio Greta una figura quanto mai attuale e complessa. Particolare è l'attenzione alle atmosfere dei luoghi che riesce a creare. Una lettura che scorre veloce e piacevole. Complimenti !


  • 07/03/2018
    La lunga ombra di un sogno (Roberto Schinoppi)

    Interessante, molto ricco di descrizioni dettagliate da immaginartici dentro chiudendo gli occhi, allo stesso tempo fluido nella lettura. Continua così attendo un nuovo racconto.


  • 06/03/2018
    La lunga ombra di un sogno - E il film? (Ida)

    Libro avvincente ricco di sentimenti e riflessioni, nei quali più volte mi sono rispecchiata. Accurate le descrizioni dei luoghi e dei personaggi, tanto che, finita la lettura ho desiderato fortemente di vedere realizzata la versione cinematografica del libro.


  • 28/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Molto bello (Elisa Zamarco)

    Un romanzo bellissimo pieno di dettagli, molto scorrevole da leggere velocemente in molte cose mi sono ritrovata e questo lo rende speciale. Grazie


  • 28/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Una storia appassionante (Iris Tretta)

    Lo ho letto con due giorni, e devo dire che mi è piaciuto moltissimo! Scorrevole e molto appassionante tanto da non riuscire a smettere di leggelo! Attendo il prossimo romanzo che spero avvivi presto.


  • 21/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Un'ottima idea regalo (Roberta Zibellini)

    Una storia coinvolgente fin dalle prime pagine, testo scorrevole ricco di particolari e sentimento. Un libro per tutti.
    Un'ottima idea regalo.


  • 14/02/2018
    La lunga ombra di un sogno (Loredana Mariotti)

    L'ho letto ttutto d'un fiato! Bellissima la descrizione dei sentimenti!


  • 14/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Un crescendo Rossiniano! (Vito Maria Guerriero)

    Un libro con la elle maiuscola. Un vero crescendo Rossiniano: la prima parte del romanzo cattura un Viterbese come me perché ambientato nelle nostre zone, descritte con minuzia. Poi quando dal Viterbese la narrazione si sposta in Sicilia la storia cresce e ti cattura fino a tirarti dentro e non riuscire a smettere di leggere fino alla parole FINE. La salita di Greta sull'Etna è qualcosa di sconvolgente, e le descrizioni dei posti sembrano se possibile diventare qualcosa di più intimo. Il finale non scontato. Un romanzo di vita, bello, rotondo, anche se della vita ha tutte le ansietà ed i conflitti. Complimenti!


  • 12/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Avere la forza di opporsi al destino (Roberta Mariotti)

    Avere la forza di opporsi al destino, la tenacia e la volontà di diventare protagonisti della propria vita, uscire dall'ombra per vivere un sogno...è questa la storia avvincente, emozionante e intrigante che porterà Greta a prendere in mano le redini della propria vita. Ho letto questo romanzo con attenzione e curiosità, lasciandomi guidare dalla scrittura fluida e scorrevole dell'autrice. Mi è piaciuto tantissimo, complimenti all'autrice che spero ci regalerà altre piacevoli sorprese.


  • 07/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - ...se ci fosse una seconda puntata.... (Stefano)

    Bellissima storia piena di intrecci e con un epilogo per niente scontato. Le scene sono descritte quasi fossero delle foto, dettagliate ma tutt’altro che noiose.... se ci fosse la seconda puntata....!!! Brava Roberta


  • 06/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Veramente +++++ (Giovanna Bartoloni)

    Non sono mai stata una grande lettrice ma questo libro mi ha preso così tanto che l'ho dovuto leggere in due giorni! 
    Ho seguito con il fiato corto le vicissitudini della povera Greta, mentre lottava con questo benedetto "onore" ed alla fine quando ha raggiunto la sua serenità interiore ho gioito, peccato che ci abbia messo cos' tanto tempo!
    Ora aspettiamo che l'autrice se ne esca con il secondo romanzo, speriamo presto!


  • 05/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Letto tutto d'un fiato (Antonella Brachetti)

    Letto tutto d'un fiato. ..è un romanzo molto interessante scritto con minuziosi dettagli. ..poi a me le storie amorose piacciono molto....ancora complimenti. ..P.S....grazie per la dedica che mia hai scritto sul libro


  • 02/02/2018
    La lunga ombra di un sogno - Un libro che si legge tutto d'un fiato (Corrado Pulcini)

    Una storia avvincente, la lettura è fluida e piacevole, la descrizione dei luoghi è precisa senza essere noiosa, un libro che si legge tutto d'un fiato..... E poi in questo romanzo c'è tutto, il conflitto generazionale, l'emancipazione femminile e l'eterna lotta tra ragione e sentimento.... Complimenti all'autrice, spero di leggere ancora sue opere.

     

    Bellissima storia, lettura fluente e piacevole, libro che si legge tutto d'un fiato, spero di leggerne altri.... E poi in questo romanzo c'è tutto, l'emancipazione femminile, le divergenze generazionali, la disputa tra ragione e istinto...


  • 31/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Complimenti! (Ilvio Mauri)

    Come opera prima è senz'altro positiva, con una scrittura scorrevole ed una struttura del racconto ben articolata; la caratterizzazione dei personaggi andrebbe approfondita ed alcune parti meno prolisse. Complimenti!


  • 30/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Svela profonde verità (Aida Intoppa)

    Interessante storia caratterizzata da una serie di intrecci amorosi e parentali della protagonista principale Greta. Ho apprezzato la qualità descrittiva di peronaggi e luoghi. Finale insolito e inaspettato, svela profonde verità che fanno riflettere sulla vita di ognuno di noi...


  • 21/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Un romanzo che ti tiene con il fiato sospeso (Fabiola Andreani)

    Bello e affascinante! Con le numerose descrizioni dell'autrice sembra di vivere il racconto nei minimi dettagli! Un romanzo che ti tiene con il fiato sospeso per poi scoprire un finale non scontato! Sono molto felice di averlo letto, tanto che dopo mi mancava quella storia travolgente!


  • 19/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Già ho nostalgia di Greta (Patrizia Cipicchia)

    Terminato di leggere stamani all'1,40... non potevo di certo aspettare oggi per conoscere l'epilogo di una storia impantanata in sensi di colpa affibbiati da altri, pesanti come macigni ad impedire di volare.
    La forza interiore della protagonista, Greta, la ha portata a cercare un riscatto personale e familiare, ad interrompere il ripetersi di un ciclo, mettendo a rischio tutto, anche se stessa.
    Interessanti le ambientazioni e la cura nelle descrizioni dei luoghi, della storia dei posti.
    Lettura scorrevole ed accattivante che invita a girare pagina dopo pagina fino a leggere (già ho nostalgia di Greta) la parola FINE.
    Bellissima lettura, sicuramente consigliata!


  • 16/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Mi sono riconosciuta nella protagonista (Alessandre Bagini)

    Bella storia che rispecchia la vita di molte persone, raccontata con un linguaggio fluido e scorrevole che invoglia alla lettura. Mi sono riconosciuta nella protagonista, Greta, in alcuni dei suoi stati d'animo e delle sue inquietudini, ed ho ammirato la sua forza nel riuscire a trovare una via nel buio che in certi momenti sembrava invadere la sua vita. Auguro all'autrice che romanzo le porti tante soddisfazioni ed abbia il successo che merita, e aspetto trepidante la pubblicazione di un nuovo romanzo.


  • 04/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Bello e coinvolgente (Ernesto Cattaneo)

    Finito di leggerlo, bello e coinvolgente.
    Non sò se è un refuso od una inesattezza voluta: a pag. 34 il nome del papa dovrebbe essere Paolo e non Pio


  • 04/01/2018
    La lunga ombra di un sogno (Tina Brancadoro)

    Un'amica me ne ha parlato molto bene, mi ha detto che lo aveva letto tutto d'un fiato, così lo ho acquiostato e ne è valsa la pena ....è veramente veramente bello!!!!!!!


  • 04/01/2018
    La lunga ombra di un sogno - Soltanto un buon libro ha questo effetto (Lina Bottoni)

    Ho letto il libro in un giorno e mezzo, soltanto un buon libro ha questo effetto.
    La parte descrittiva dei luoghi affascina e la storia nella sua apparente semplicita' e' fantastica e ben articolata. 

    Molto bello questo libro. Lo consiglio vivamente!!!


  • 30/12/2017
    La lunga ombra di un sogno (Marisa Filogonio)

    Ho letto il libro e devo dire che non c'è aggettivo consono per dire quanto mi sia piaciuto: lettura fluida e scorrevole, bellissime e accurate le descrizioni dei luoghi e dei paesaggi nei minimi particolari. Nella seconda parte Greta ritorna sull'isola, in Sicilia, alle sue origini, alle sue radici: intrecci di vita che si ripetono palpitanti, appassionanti e drammatici allo stesso tempo. Greta così guerriera così orgogliosa ma così fragile nei suoi sentimenti è riuscita a scacciare dalla sua vita quella lunga ombra. 

    Questo mi ha trasmesso il tuo romanzo. Brava bravissima continua a scrivere per noi lettori



  • Torno a casa - Racconto (Marilena)  

    Trovo straordinarie le emozioni e le scene descritte e i pensieri della protagonista, perché corrispondono precisamente a quello che ho provato anche io.
    Ho pianto.
    Per me leggere questo romanzo è stato come strappare violentemente ma piacevolmente un cerotto che non serviva più e che copriva il mio dolore.
    Ora........dopo il pianto sto molto meglio.



  • La lunga ombra di un sogno (Mai dire ORMAI!) (Lea Gobattoni)

    Mai dire ORMAI!
    In gioventù sono stata una divoratrice di libri, di ogni genere e stile.
    Con gli anni me ne è passata la voglia attribuendo lo scarso interesse all'età avanzata che sopisce ogni entusiasmo.
    FINO A QUALCHE GIORNO FA!!!!
    Ho partecipato, infatti, all'incontro presso il Centro studi e Ricerche IL LEONE in Viterbo per la presentazione del libro di ROBERTA MEZZABARBA "La lunga ombra di un sogno". 
    L'Autrice ne ha parlato con semplicità e naturalezza, ma con la capacità di trasmettere le sue emozioni fino a far vivere il sogno in chi l'ascoltava, e fino a farmi tornare LA VOGLIA DI LEGGERE!!!!
    Grazie Roberta! 
    Ho iniziato il tuo libro e ne sono entusiasta!
    MI PRENOTO PER IL PROSSIMO!!!!
    GRAZIE ANCORA!!


Vuoi mandare una tua recensione?
Inserisci i dati appresso ed invialo...